settembre: 2018
L M M G V S D
« ago    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Commenti recenti

    FI CHIEDE IL RITORNO DEI VOUCHER E INCALZA LA LEGA SU DL DIGNITA’

     

     

    36587367_1154825077993051_1362645406210588672_o

    Reintrodurre i voucher, aboliti nella scorsa legislatura dal governo Renzi, eventualmente anche emendando il dl Dignita’. E’ la proposta che i gruppi di Forza Italia di Camera e Senato hanno presentato con una conferenza stampa a Palazzo Madama, che e’ stata anche l’occasione per criticare aspramente i contenuti del decreto stesso e incalzare la Lega, appellandosi al programma messo a punto dal centrodestra per le ultime elezioni politiche. A illustrare la proposta, che chiede in sostanza di ripristinare tutti gli strumenti per le prestazioni di lavoro occasionali vigenti prima del citato intervento dell’esecutivo Renzi della primavera del 2017, c’erano le due capigruppo, Mariastella Gelmni a Anna Maria Bernini, supportate dai parlamentari competenti sulle questioni del lavoro. “Siamo pronti a trasformare la nostra proposta di legge per reintrodurre i voucher in un emendamento al Dl dignita’, per ridurre i danni di questo provvedimento” ha detto la capogruppo FI alla Camera, Mariastella Gelmini. “E’ una proposta di cui siamo profondamente convinti – ha detto Anna Maria Bernini presentando la proposta – siamo stati sollecitati da piu’ parti a reintrodurre i voucher: dal settore agricolo a quello della ristorazione, del turismo e anche dalle famiglie”. Ma la proposta di reintroduzione e’ stata anche l’occasione per rivendicare la paternita’ dello strumento dei voucher al centrodestra: “Il voucher – ha spiegato Bernini – era stato pensato dalla prima grande legge di liberalizzazione del mercato del lavoro che e’ stata le legge Biagi del secondo governo Berlusconi. C’e’ differenza tra uso e abuso dei voucher, il secondo indotto da una cattiva gestione favorita dal precedete governo. E’ il mercato del lavoro, gli utenti che devono spiegare ai legislatori cio’ di cui hanno bisogno, e un legislatore intelligente – ha aggiunto Bernini – ascolta e si comporta di conseguenza”.