Giugno 2022
L M M G V S D
« Mag    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Commenti recenti

    GELMINI AD AGORA’: LEGITTIMA DIFESA, “SALVINI NON RIESCE AD AVERE OK M5S”

     

    gelmini-agora“La legittima difesa non vuol dire il far west o l’uso disinvolto delle armi. Diciamo solo che una persona che è costretta a difendere se stessa, la propria incolumità e quella dei propri cari all’interno di una abitazione, all’interno di un luogo di lavoro, non può poi essere iscritta nel registro degli indagati, pagare gli avvocati per qualcosa che ha dovuto fare per difendersi”. Lo ha detto Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera, intervenendo ad Agorà, su RaiTre. “Affermare il diritto alla difesa è un dovere, era tra i punti fondamentali del nostro programma. Io ho presentato già nella precedente legislatura una proposta di legge, l’ho ripresentata, ho chiesto la calendarizzazione, ma Salvini non riesce ad avere dai 5 stelle il via libera, per cui oggi è in Commissione al Senato ma mi pare che avrà un iter lunghissimo. E’ la prova che questa alleanza tra Lega e 5 stelle è una alleanza innaturale, che non porta beneficio al Paese e che purtroppo rallenta la possibilità di attuare le proposte sulla base delle quali siamo stati votati. Al netto dell’immigrazione  tutti gli altri problemi sono irrisolti”. “Diamo atto a Salvini di aver avuto il polso fermo in materia di immigrazione, per quanto riguarda pero’ le scelte economiche del governo abbiamo molte perplessita’. Vediamo un cedimento alle ragioni di Di Maio che ci preoccupa molto, perche’ francamente Di Maio non solo non ha dimestichezza con il lavoro, ma non ne ha neanche con l’industria, con l’impresa, con la crescita, con lo sviluppo”. “Siamo passati – ha aggiunto – dal decreto che porta il suo nome al ‘no’ ad una serie di infrastrutture fondamentali per il Paese. Da ultimo c’e’ stato il non finanziamento del quinto e sesto lotto del Terzo valico. Sono scelte che denunciano una cultura anti impresa, anti crescita, anti sviluppo, rispetto alle quali ci aspettiamo che Salvini, come ha saputo fare in materia di immigrazione, non abbia cedimenti e sia anzi in grado di far valere la posizione di chi ci ha votato, perche’ il centrodestra e’ stato votato dai ceti produttivi. Oggi cosa diciamo alle imprese del Nord che delocalizzano, non perche’ non vogliono restare in Italia, ma perche’ qui non ci sono le condizioni per fare impresa? Cosa diciamo ai lavoratori che perdono il posto e che certamente non avranno risposte dall’aumento del costo del lavoro e da un decreto che produrra’ disoccupazione? Solo nelle municipalizzate di Milano, come ha anticipato il Comune, grazie alle misure volute da Di Maio, 700 lavoratori perderanno il posto di lavoro. Quindi, bene le iniziative sull’immigrazione, ma sul fronte dell’economia, la Lega cosa fa?”.