dicembre: 2018
L M M G V S D
« nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Commenti recenti

    FI PRESENTA PIANO PER IL SUD, AD ASSISTENZIALISMO LEGA-M5S CONTRAPPONIAMO IMPRESA E LAVORO

     

    conf-sud-4

    foto-conf-sud

    “Nel Def nada per il Sud”. Così Forza Italia, parafrasando Matteo Salvini, ha motivato la sua contro manovra per il Mezzogiorno, illustrata nel corso di una conferenza stampa alla Camera dei deputati, alla quale hanno partecipato la vice presidente di Montecitorio, Mara Carfagna, il vice capogruppo vicario dei deputati azzurri Roberto Occhiuto, i deputati Giorgio Mulè e Paolo Russo, e il senatore Marco Siclari, incaricato dalla capogruppo dei senatori di Forza Italia, Anna Maria Bernini, di seguire il capitolo Sud. Cinque proposte di legge che prevedono, tra gli altri, uno shock fiscale, il potenziamento del fondo di garanzia per le Pmi, il miglioramento delle reti idriche per il rilancio dell’agricoltura, la creazione di una Cassa per gli investimenti e i diritti. “Le nostre proposte – ha detto il portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato, Giorgio Mulè – vanno a colmare il vuoto lasciato dal governo. Per Lega e M5S il Sud vale zero proposte. Noi la pensiamo esattamente al contrario, abbiamo le idee chiare e abbiamo già presentato in Parlamento le nostre pdl”. “Quello che più stupisce – ha sottolineato Roberto Occhiuto – è il repentino cambio di rotta della Lega. Si sono sempre scagliati, giustamente, contro ogni forma di politica assistenziale per il Sud, e adesso che fanno? Sono pronti a ingoiare il rospo rappresentato dal reddito di cittadinanza. Il peggior esempio di assistenzialismo possibile. Il Meridione non merita questa disattenzione, ha le risorse necessarie per poter recuperare il gap con il Nord, bisogna solamente saperle sfruttare”. E la base di partenza non può che essere “un vero shock fiscale azzerando, ad esempio, l’IRES in tutte le Regioni Obiettivo ‘Convergenza’ (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), per un ammontare complessivo di 2mld euro annui, finanziati da fondi europei oggi male utilizzati. I vantaggi sono sotto gli occhi di tutti”. Concetti ribaditi anche da Paolo Russo: “Sono le imprese il vero motore del riscatto del Sud, aziende coraggiose che investono sulle potenzialità di una terra che questo governo vuol far diventare il discount d’Italia, dove attingere voti grazie alla sudditanza psicologica nella quale saranno sottoposti soprattutto i giovani con il reddito di cittadinanza”. Insomma, Forza Italia vuole creare le condizioni per favorire l’occupazione, investendo sulla formazione e facilitando la vita alle tante aziende che restano al Sud invece di scappare. “Solo così – ha aggiunto Russo – si potrà parlare di crescita e non di politiche assistenziali da parte di un governo per il quale alimentare il bisogno è diventata una strategia di marketing elettorale”.