Giugno: 2019
L M M G V S D
« Mag    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Commenti recenti

    CARFAGNA A IL CORRIERE DELLA SERA: CONGRESSO FAMIGLIE, “LEGA PENSI A RISOLVERE PROBLEMI”

     

    Mara Carfagna non parteciperà al Congresso di Verona del quale, in un’intervista al Corriere della sera, dice: “Rappresenta una realtà che esiste e quindi va rispettata. Ma non sono d’accordo con le loro tesi. Ad esempio l’attacco alla legge 194 sull’aborto o alla legge sulle unioni civili. Ritengo rappresentino passi indietro. E sono realtà residuali. Sono minoritari anche nel mondo cattolico. Quando si sono presentati come forza politica hanno ottenuto solo uno ‘zero virgola’. E poi, mi domando, dove sono le donne leghiste?”. “Non ho sentito neanche una donna della Lega difendere quelle tesi. Forse perché loro conoscono quali sono i veri problemi delle donne italiane, e non sono quelli trattati a Verona – osserva la vicepresidente della Camera -. Non vorrei che un’adesione così rumorosa a un congresso che fa da grancassa a tesi ideologiche, da parte di un partito che ha il 30% dei consensi, sia data per nascondere altro… La mancata presentazione di provvedimenti concreti ed efficaci a tutela delle famiglie”. “Noi di Forza Italia abbiamo sempre fatto da contrappeso moderato. La Lega con noi in Veneto e Lombardia ha adottato provvedimenti concreti di welfare e sostegno a famiglie numerose – ricorda l’esponente azzurra -. Chi è al governo non va al congresso ma al Consiglio dei ministri e prende decisioni, che non ho visto. Ad esempio nel reddito di cittadinanza si poteva prevedere un assegno più robusto per le famiglie numerose. Oppure nella quota 100 uno sconto di un anno per ogni figlio a carico. Noi lo avevamo proposto. Ma potrebbero fare anche altro”. E ancora: “Sgravi fiscali per chi assume le donne. Non si fanno più figli perché le donne non hanno un lavoro. Oppure prevedere l’assegno universale di maternità. Aiutare a reinserirsi nel mondo del lavoro chi lo ha perso a 50 anni. Mi rendo conto che nessuno ha la bacchetta magica. Ma partecipare a un congresso non significa difendere le famiglie. Si occupino piuttosto dei loro veri problemi”. Sul ‘Codice rosso’ le deputate dell’opposizione hanno occupato ieri i banchi del governo: “Un gesto estremo di fronte alla sordità del governo che ha bocciato l’emendamento sul revenge porn sul quale, nel merito eravamo tutti d’accordo. Solo per presentare un ddl identico al Senato e assumersene la paternità” attacca Carfagna secondo la quale “Vogliono metterci la bandierina. Non ho mai visto il Parlamento lacerarsi in un clima così conflittuale su un tema come quello dei diritti delle donne che ha sempre messo d’accordo tutti. Sono stupefatta”.